T1819IT RGB

Nell’incontro pomeridiano con il Consiglio e i presidenti di commissione il governatore ha sottolineato il grande lavoro del Rotary ma anche le frequenti dimenticanze della stampa. La campagna anti-polio che nacque proprio in Italia ed è diventata la maggiore iniziative della Fondazione, sembra oggi un obiettivo soprattutto del pur generoso Bill Gates, ha esemplificato il prof. Ladu. E’ per questo che – nell’organizzazione del premio Galilei – da quest’anno è stato impegnato un ufficio stampa che ha realizzato il miracolo di articoli su 40 testate. Un esempio che potrebbe essere prezioso anche per il Columbus che infatti ha già avuto esperienze simili. Sul piano dell’informatica il governatore ha comunicato che soo 12 dei 64 club toscani hanno adottato il programma di gestione communicator e pertanto farà avere le chiavi di accesso a tutti i club.

Aprendo l’affollata serata, quasi cento gli intervenuti, il presidente Francesco Tonelli ha espresso il suo augurio in quella che ha definito “l’occasione migliore per rinsaldare i sentimenti di amicizia e di stima che sono la base sulla quale si fonda un Club del Rotary”. La festa si è svolta nell’antico refettorio del Convitto della Calza nel cenacolo affrescato da importanti pittori del Cinquecento e in particolare dal Franciabigio (Francesco di Cristofano, 1482- 1525). La sala è stata inoltre per due anni (2000-2002) la sede delle riunioni regolari del nostro club, scelta dall’indimenticabile presidente Carlo Vallecchi. Un ritorno gradito e una citazione della nostra storia, nell’anno del 50° del Club. L’organizzazione della festa non è stata semplice ed anche questo è tradizionale.

Ripresa dopo le feste l’attività del club (il 28 dicembre e il 4 gennaio la segreteria è rimasta aperta per i ssoci di passaggio, anche se con molte limitazioni dovute a lavori al sistema informatico dell’albergo) questa sera Giuseppe Usuelli (RC Milano Nord, un lungo e fruttuoso passato nella pubblicità) ha illustrato i risultati dell’indagine svolta su impulso del Distretto 2041 su “Rotary tra percezione e realtà”, una ricerca nazionale della IPSOS. Come ha sottolineato il presidente Tonelli, l’argomento della serata è stato molto stimolante avendo fatto luce sulla nostra associazione, cercando soluzioni positive affinché il Rotary venga sempre più apprezzato e non considerato una società elitaria e distaccata dai problemi di ogni giorno.

La tradizionale assemblea di dicembre ha visto la partecipazione di presenza o per delega di 44 soci che hanno votato il presidente dell’anno rotariano 2019- 2020, il consiglio del prossimo anno e il revisore dell’annata in corso. La votazione si è svolta sotto il controllo della Commissione elettorale nominata in assemblea e composta da Franco Paolillo, Rodolfo Cigliana e Pietro Massimo Spagli (ritratti, da sinistra a destra, nella foto durante le operazioni, svoltesi – come si dice in questi casi – in totale tranquillità). Il Segretario De Santi, dopo aver verificato il quorum di 36 soci presenti e n. 8 soci per delega, per un totale di 44 votanti, aveva in precedenza dichiarato validamente costituita l'assemblea.

Nona Rassegna Teatrale a favore della Fondazione Rotary presso la Sala Esse di Via del Ghirlandaio 38.

5 febbraio 2018 ore 21,00 - la Compagnia teatrale “Extrafondenti” presenta

“Sull'Arno D'Argento ” Di Marco Gelli

12 febbraio 2018 ore 21,00 - la Compagnia teatrale “S.A.n.P. senza arte ne parte” presenta

“Non ti conosco più” di Aldo De Benedetti

19 febbraio 2018 ore 21,00 – La compagnia teatrale “I Curandai ”presentano

“LE CURE” di e con Osanda Miani

26 febbraio 2018 ore 21,00 *** Serata finale con premiazione *** 

I vincitori del 2017 “I Malandra”presentano “La Dame de Chez Maxime” di Georges Feydeau 

 

scarica la locandina Teatrotary2018

Per informazioni 348 7880488 - 055 295373

mailto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.facebook.com\teatrotary

@teatrotary

In attesa della lotteria che il Club organizza nella festa degli auguri di giovedì prossimo, la presidente fiorentina dell’AIRC Anna Marchi Mazzini e il ricercatore Tiziano Marzo hanno descritto il metodo di lavoro dell’Associazione e il desiderio di convincere che negli obiettivi di ricerca “ognuno deve metterci il proprio contributo”. contributi, presidente AIRC Firenze. Tiziano Marzo, chimico, ricercatore AIRC a chimica industriale (Università di Pisa) ha avuto un interessante scambio di opinioni con il presidente Tonelli sulla limitatezza delle risorse e sul ruolo di enti come l’AIRC che sopperisce aiutando giovani ricercatori. Marzo ha raccontato la sua storia, fatta anche del milione di euro speso in 5 anni dall’Associazione per i suoi studi. Studi – ha sottolineato il presidente – che, se non trovano finanziamenti, si bloccano. Grazie all’AIRC, però, ha concluso Marzo nulla viene perso e anche quando alcuni progetti si concludono non è infrequente che i ricercatori vengano lanciati in altri ambiti, rinnovando il metodo appreso durante l’attività con l’AIRC.