T1718IT PMS C

Ci sono appuntamenti imperdibili nell’anno rotariano. Tra questi la Festa degli Auguri riveste un ruolo particolare. G. Rogantini Picco ha presentato il programma di una riunione partecipata e emozionante all’Educandato della SS. Annunziata al Poggio Imperiale. Giovanni si è poi aggiudicato uno dei premi, a testimonianza della fortuna dei cronisti, sempre presenti dove c’è una notizia. Molti erano i regali mentre la tradizionale lotteria che ha fruttato 2160 euro destinati alle iniziative del club. Successo dei prodotti di Rotary adotta impresa, iniziativa che su impulso della Sottocommissione distrettuale dei Volontari, di cui fa parte il nostro Marco Frullini, sostiene alcune imprese dell’area terremotata del Centro Italia.

Confetture, salumi e altri prodotti tipici di Norcia, il comune prescelto per il Firenze Est, che sono stati acquistati dal Club per rafforzare l’intervento con l’asta tenuta questa sera. Altri doni sono stati offerti dagli amici Primo Biagioni (Scultura) Divo Gronchi (libri su San Miniato) Giovanni Gamannossi (Penne Mediolanum) Gabriella e Fabrizio Fantini (borse da donna) Gianmarco Pisaneschi (Jolly Caffè) Michele Reali (Magnum Spumante).

L’assemblea dei soci ha approvato, col parere favorevole del revisore M. Lombardi e l’astensione dei componenti il consiglio dell’annata, il bilancio consuntivo del 2015-2016. Nel dibattito sono stati discussi alcuni aspetti del bilancio in relazione ai progetti di service e agli accantonamenti previsti, permettendo così una aperta analisi di alcune delle attività del Club.
I soci saranno di nuovo chiamati in assemblea il 6 dicembre per le elezioni dei dirigenti delle annate seguenti

E’ forse la prima volta che l’assemblea elettorale si è risolta con due acclamazioni dopo rapide presentazioni dei candidati, in un’atmosfera assolutamente serena. Accertato il quorum  il Presidente G. Rogantini ha presentato il candidato presidente per l’anno rotariano 2018-2019 Fabrizio Fantini la cui elezione è avvenuta per acclamazione. Fabrizio Fantini ha lavorato per molti anni nell’associazionismo imprenditoriale e da oltre 30 anni è socio del Club nel quale ha ricoperto vari incarichi, tra cui quello di segretario. Fu consigliere per l’ultima volta nell’anno 2012-2013. Uomo equilibrato e di esperienza, è il padre di Enrico, nostro socio e già RD del Rotaract. A Fabrizio i più vivi complimenti e l’augurio di buon lavoro. In prosecuzione di assemblea il presidente incoming F. Tonelli ha esposto la lista dei candidati proposti per il Consiglio che sarà in carica dal 1° luglio 2017. Giancarlo Taddei Elmi sarà vice-presidente, Lorenzo De Santi confermato segretario, Marco Minucci Minucci confermato tesoriere mentre saranno consiglieri Acidini, Azzaroli Bertini Cancellieri (eletto per la prima volta) Giuliattini Burbui, Marco Matucci Cerinic (anch’egli eletto per la prima volta) e Giovanni Petrocchi. Proseguendo nell’informale atmosfera della riunione anche il Consiglio è stato eletto per acclamazione.

Agli eletti un vivo augurio di buon lavoro.

Al termine Tonelli ha comunicato la scelta dei prefetti che sarà formalizzata nei tempi regolamentari. Si tratta di Sandra Manetti e Simone Carresi, per la prima volta nominati nell’incarico. Anche a loro i più cari auguri di buon lavoro.

A 50 anni dalla disastrosa alluvione di Firenze non c’è solo spazio per le commemorazioni ma anche per fare il punto sulla prevenzione, un tema che non ha mancato ancora una volta di preoccupare, quando solo domenica 6 novembre le spallette dell’Arno
sembravano di nuovo sotto pressione e si parlò dello svuotamento controllato delle dighe del Valdarno. Alluvioni disastrose sono occorse a Firenze almeno una volta per secolo dal 1288 in avanti ed altri eventi minori non hanno mancato di colpire la città. Anche a livello nazionale sono oltre il 25% i Comuni italiani interessati dai dissesti. La protezione civile non nacque con l’alluvione del 1966 ma la forza del volontariato e la resistenza dei fiorentini ne preconizzarono la costituzione, organizzata poi dal terremoto del Friuli del 1976. La diga di Bilancino e il suo lago certamente prevengono oggi la Sieve dal suo pericoloso incontro con l’Arno ma le casse di espansione di Figline non sono completate e – come ha dimostrato il recente crollo in lungarno Torrigiani – il rapporto tra l’Arno e Firenze è tutt’altro che risolto. Importante quindi non dimenticare le cause delle alluvioni e capirne la portata. Invitato a parlarne alla nostra serata, il prof. Giorgio Federici ordinario di costruzioni idrauliche e marittime e idrologia presso il dipartimento di ingegneria civile e ambientale dell’Università di Firenze, ha così illustrato lo studio “Arno non cresce se Sieve non mesce”, sovvenzionato dal R.C. Firenze Valdisieve e analizzato le prospettive per il bacino dell’Arno.

Durante la riunione sono stati premiati dall’amico Cossi, presidente del R.C. Firenze Valdisieve, anche i nostri soci che sono stati Angeli del fango: Cristina Acidini Luchinat, Alberto Bartolini Salimbeni, Gian Carlo Taddei Elmi, Enzo Cancellieri con la consorte Ilaria Saratti. Gli Angeli del fango furono le migliaia di giovani italiani e stranieri che parteciparono nei mesi seguenti l’alluvione al recupero delle opere d’arte e soprattutto dei libri delle biblioteche cittadine. Ad aver creato la definizione di Angeli del fango, fu il giornalista Giovanni Grazzini che, in un articolo sul Corriere della Sera (10 novembre 1966) scrisse: “ d’ora innanzi non sarà più permesso a nessuno fare dei sarcasmi sui giovani beats” perché questa stessa gioventù aveva dato “ un esempio meraviglioso, spinta dalla gioia di mostrarsi utile, di prestare la propria forza e il proprio entusiasmo per la salvezza di un bene comune. Onore ai beats, onore agli angeli del fango.”
La serata ha riservato anche la gradita sorpresa del rientro nel nostro club dell’avv. Umberto Conciani, accolto dal presidente e dal socio presentatore Gabriele Maselli. A Umberto il più caloroso bentornato.

L’ing. Gentile, abruzzese, ha un passato rotariano, anzi rotarctiano, avendo costituito nella sua regione il primo Club Rotarct. E’ anche per questo che il dialogo col club è stato realmente fruttuoso e amichevole. Come ha detto lui stesso, si sente veramente tra amici. Nella sua conferenza emergono subito le tematiche di attualità, di un’azienda che amministra 17.000 km di binari grazie a 26.000 collaboratori. 14.000 dei quali dedicati costantemente all’infrastruttura, oggi messa a disposizione degli operatori ferroviari che pagano un pedaggio di transito.

In questo quadro la situazione della nostra città è di rilievo ma – a quanto abbiamo ascoltato – pare che la strada per la conclusione dei cantieri dell’Alta Velocità ferroviaria a Firenze sia ancora lunga. La fase attuale, ha spiegato Gentile è di consultazione, attraverso le 10 domande scambiate con le istituzioni, allo scopo di valutare l’impatto delle nuove d attuali tecnologie rispetto ad un progetto che risale a 10 anni fa e che – per quanto concerne la stazione Foster – deve tener conto delle reali potenzialità commerciali della sua costruzione, come hanno dimostrato le difficoltà in stazioni rinnovate come Roma Tiburtina.

Il tunnel sotto la città, però, rimane prioritario per assicurare una differenziazione del traffico tra il transito e i treni che fermano a Firenze, in particolare a Santa Maria Novella, stazione che va dimostrandosi importante e con potenzialità crescenti. L’ing. Gentile ha risposto anche ad alcune domande (Angotti, Rogantini, Cobisi) sottolineando l’importanza di Firenze nella ricerca in campo ferroviario ospitando il Centro di Osmannoro, modernissimo banco di prova del materiale rotabile e centro di studi di rilevanza mondiale.

Gianluigi Giuliattini Burbui appartiene alla generazione di ingegneri ferroviari che hanno vissuto il passaggio all’alta velocità, quando negli anni ottanta la direttissima Firenze-Roma consentì per prima di raggiungere i 250 km orari e ridurre drasticamente i tempi di percorrenza sull’asse principale delle comunicazioni della penisola.

Già allora si pose il problema di superare il nodo di Firenze, un lungo laccio di binari che circonda la città da Rifredi a Campo di Marte lasciando da parte la stazione di Santa Maria Novella, capolinea della direttissima inaugurata nel 1932 tra Firenze e Bologna e delle storiche linee per Lucca- Viareggio e Pisa-Livorno. Ricorderanno i viaggiatori che i primi treni veloci fecero fermate a Rifredi, Campo di Marte e perfino allo Statuto ma anche che Santa Maria Novella non è mai stata abbandonata nonostante i numerosi progetti, fino all’ultima polemica questione della stazione sotterranea ancora di fatto in costruzione nella zona di via Circondaria e che ora appare bloccata. Degli sviluppi ci parlerà l’ing. Gentile il 1° dicembre, della situazione sul campo e del ruolo di Firenze nel trasporto ferroviario, storicamente rilevantissimo, ci ha anticipato Gianluigi questa sera sottoponendosi poi a numerose domande dei presenti che hanno approfondito un tema tra i più rilevanti per la nostra città.