T2021EN PMS C

Gianni Cortigiani ha affrontato la compatibilità dei vari decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Presidenti delle Regioni con la nostra Costituzione e le libertà, i diritti che garantisce.
Premettiamo che – dopo la dichiarazione di stato d’emergenza sanitario del 31 gennaio scorso come intervento di protezione civile della durata di sei mesi - il Decreto Legge n. 6 del 23 febbraio 2020 ha inaugurato una serie di analoghi provvedimenti, i successivi tutti ben limitati nel tempo e nelle prescrizioni, dedicati alle misure di contenimento del virus, con i conseguenti blocchi agli spostamenti e alle libertà economiche.

Demandata al presidente del Consiglio dei ministri l’applicazione delle norme, ecco apparire gli ormai famosi DPCM (decreti del presidente del Consiglio dei ministri) adottati su proposta del Ministro della salute, sentiti il Ministro dell'interno, il Ministro della difesa, il Ministro dell'economia e delle finanze e gli altri ministri competenti per materia, nonché i presidenti delle regioni interessate, nel caso in cui riguardino esclusivamente una regione o alcune specifiche regioni, ovvero il Presidente della Conferenza delle regioni e delle province autonome, nel caso in cui riguardino l'intero territorio nazionale. In tale quadro le possibilità di conflitto con la Costituzione non mancano.

Il nostro Marco Lombardi si era riservato un regalo eccezionale per il suo sessantesimo compleanno: 35 giorni fuori dal mondo per compiere la regata atlantica in barca a vela da Las Palmas all’isola di Santa Lucia nei Caraibi. E’ andata bene – ci ha spiegato – soprattutto grazie ad un’attenta preparazione perché, anche se gli alisei garantivano la rotta, l’oceano non ammette distrazioni. Nelle tremila miglia di viaggio occorre essere autonomi e prevenire gli incidenti che potrebbero risultare fatali, specialmente in caso di caduta in mare. Divertimento dunque ma anche un vero e proprio lavoro, preparato prima e studiato attentamente con l’aiuto degli altri, persone spesso sconosciute e di altre nazionalità con difficoltà anche linguistiche, come stare in una barca con quasi tutti i compagni di altri Paesi e naturalmente in spazi ristretti e con tempi da rispettare. Marco ha saputo mettersi alla prova e raccontare il viaggio con la tranquillità di chi può dire: ce l’ho fatta.

Giovanni Petrocchi, Istruttore del Club è partito dalla stanchezza di questi mesi di isolamento che però ci hanno fatto scoprire nuovi metodi per connetterci come ha detto il presidente internazionale in un breve messaggio che abbiamo ascoltato insieme . Maloney ha lamentato la cancellazione della Convention di Honolulu, alla quale dovevano prendere parte oltre 20.000 rotariani e familiari di tutto il mondo. Ma il presidente internazionale, con un invito tipicamente americano (Join Me) ha spronato i rotariani a darsi da fare trovando nuove strade per noi e per gli altri.
Ricordando l’attività internazionale e il recentissimo incontro coi club della Quadrangolare tramite zoom Giovanni Petrocchi ha completato il quadro di un Rotary capace di adattarsi alla situazione anche per l’opportunità che internet offre di collegarsi con amici lontani come Francesco Di Marco che è intervenuto da New York portandoci la prospettiva della situazione nella grande città americana. Come ha detto Gianni Cortigiani, intervenendo nel dibattito, stiamo sfatando il mito del Rotary a cena per mostrare argomenti e servizio effettivo. Giovanni ha poi concluso con la lettura di una lettera di Paul Harris, fondatore del R.I. che ha permesso di ampliare una animata conversazione alla quale poi hanno preso parte Cobisi, Fossi, Cardinale, Taddei, Fantini.

Paolo Vannuzzi leader di un’azienda italiana di consulenza ICT specializzata nella fornitura di progetti e soluzioni cloud, già nel 1999 fondava la sua prima azienda informatica fino a realizzare l’applicazione di riferimento IBM per Lotus Notes. Nel 2006, con Global Base, si affaccia sul mercato come partner di Google Enterprise, finché nel 2013 costituisce con Global Base e ScubeNewMedia, la Noovle di cui oggi coordina utte le attività commerciali e di marketing. Tra i progetti di Vannuzzi Crescita Digitale per favorire lo sviluppo tecnologico del Sistema Paese.
E di questo sistema è stato messo a dura prova dal confinamento e dall’improvvisa esplosione del telelavoro per necessità perché – sebbene lo smart working sia uno sviluppo inarrestabile – tutto è stato affrontato con la pressione della emergenza. L’immenso esperimento attuale ha fatto schizzare le vendite di computer portatili (+110%) come il traffico delle piattaforme di scambio (+800%) con 44 milioni di accessi contemporanei nei momenti più presidiati. Ecco perché il cloud, cioè l’accesso ed utilizzo di capacità di immagazzinare e utilizzare dati a distanza, potrebbe rivelarsi decisivo ma occorrerà anche sviluppare una nuova organizzazione aziendale. Su questi temi si è sviluppata la nostra discussione con interventi degli amici Diana, Monaco, Fossi, Cortigiani, Reali, Spagli, Taddei, ciascuno con la propria esperienza che ha permesso di confrontare quanto ci accade ora ma con l’aiuto dell’esperto che ha sottolineato alcuni aspetti insistendo sulla progettazione o meglio riprogettazione delle infrastrutture informatiche e dell’organizzazione di aziende ed enti. E anche il Rotary, con la sperimentazione delle riunioni a distanza sta dando il suo contributo.

Non potendo raggiungere Francoforte eccoci insieme per una riunione di informazione e operativa sul progetto comune proposto dagli amici tedeschi. Lingua franca l’inglese. Il nostro presidente ha raccontato per primo della situazione italiana, subito raggiunto dai colleghi. Toccante l’intervento della dott. Susanna Springborn, di Wiesbaden (nella foto durante il suo intervento) che come medico di famiglia ha ringraziato l’Italia per i contatti proficui che mentre la malattia ancora non era esplosa in Germania ha potuto intrattenere con medici di Brescia imparando molto dalla loro già complicata esperienza. Come ha detto il presidente di Wiesbaden,Riunione Quadrangolare Thiel "non ci sono malati o sofferenti per il Virus nel nostro club ma la vita del nostro club con incontri personali è stata sospesa già 4 settimane fa ed ora abbiamo incontri elettronici, che ovviamente non sono gli stessi. Purtroppo tutte le joint venture, le escursioni e le gite sono state definitivamente cancellate, incluso il nostro incontro quadrangolare congiunto, che era previsto per la fine di maggio a Francoforte".

La decisione di annullare è stata inevitabile nonostante lo sforzo degli organizzatori, in particolare l'amico Michael Germann, che abbiamo rivisto con piacere anche nella riunione di oggi. A Bruxelles e Parigi le riunioni via zoom come da noi e in Germania sono ormai la normalità e per questo tutti hanno accettato di vedersi questo sabato, da un’idea del nostro presidente. All'ultima quadrangolare Thiel aveva presentato il "progetto sui rifiuti di plastica" che ora i 4 club potranno proseguire dopo il proficuo scambio di informazioni di oggi. In particolare si tratta di entrare in un progetto rotariano internazionale partito da Amsterdam chiamato "End Plastic Soup" (www.endplasticsoup.org) che coinvolge ormai oltre 800 Rotary Club in tutto il mondo e dove sono previsti diversi progetti di sovvenzione globale nel terzo mondo. Gli amici di Wiesbaden vi hanno coinvolto, oltre a noi, altri club dei loro dintorni, in tutto una decina, per raggiungere un buon risultato. Andrà così senz’altro. E alla prossima, amici della Quadrangolare!

Le riproduzioni della Corona, dello Scettro e del collare del Toson d’Oro di Cosimo I esposti a Palazzo Vecchio
Il caminetto virtuale si è aperto con i saluti dei presidenti presenti e del PDG Franco Angotti che ha sottolineato la gioia del ritrovarsi in rete, vedendosi l’un l’altro. L’incontro si è poi articolato sui tre interventi dei relatori, a partire da Carlo Francini della Direzione Cultura Ufficio Centro Storico UNESCO del Comune di Firenze, per proseguire con la nostra socia Cristina Acidini Presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno e per concludere col nostro socio Paolo Penco, Maestro Orafo fiorentino, che ha realizzato le riproduzioni della Corona, dello Scettro e del collare del Toson d’oro di Cosimo I attualmente esposti a Palazzo Vecchio e riprodotti nella parte superiore dell’immagine. Purtroppo le attuali restrizioni sulle libertà di movimento non ci hanno consentito di riunirci fisicamente in un luogo dove Paolo avrebbe portato, in via del tutto eccezionale, i simboli del potere da lui realizzati. Paolo ha raccontato la ricerca sui simboli del potere ducale di Cosimo, a partire dalla bolla papale che la descrive forse meglio delle diverse rappresentazioni che ne hanno gli artisti. Per Paolo Penco la ricerca è stata una base fondamentale e anche faticosa ma di grande stimolo della sua passione artistica, confermata anche dal coinvolgimento di Stefano Gallastroni - Direttore Generale Fondazione Arte della Seta Lisio, rotariano, che ha contribuito al completamento dell’insieme dei simboli.