T2021EN PMS C

Mentre è rinviata la conferenza del prof. Alessandro Bartoloni, ordinario di Malattie Infettive dell'Università di Firenze, Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Infettive dell'Università di Firenze, sul Corona Virus, è i ntervenuto questa sera in collegamento zoom il nostro Fabio Azzaroli che ha esaminato i diversi aspetti delle autocertificazioni con cui dobbiamo muoverci ogni volta che è necessario.

Il quarto modello, uscito oggi dopo il decreto legge n. 19/2020, precisa alcuni punti e si basa sull’elenco tassativo di misure interdittive - 29 prescrizioni – con un sistema sanzionatorio che non si basa più sull’art.650 del Codice penale, che avrebbe intasato la giustizia con le migliaia di casi ipotizzabili, ma con una sanzione amministrativa da 400 a 4000 euro, raddoppiata in recidiva e aumentata di un terzo se si è in auto. Escluso il fermo del veicolo mentre valgono le riduzioni di legge pagando entro 5 giorni o comunque entro 60. Chi è in quarantena, invece, o è malato e attesta il contrario nel modulo viene ora colpito dall’art. 260 delle leggi sanitarie in vigore fin dal 1934 con forti multe, da 500 a 5000 euro, e l’arresto.

E’ importante ricordare che in questo caso non è prevista l’oblazione che estinguerebbe il reato. Un deterrente perché può costituire un precedente nella fedina penale dei contravventori che potranno essere accusati di epidemia colposa secondo l’art. 452 del Codice penale che sanziona il contagio col carcere da 1 a 6 anni e l’eventuale morte di contagiati con la pena da 3 a 12 anni. Ce n’è abbastanza di cui riflettere.


Nel dibattito, avvenuto regolarmente via internet, sono intervenuti tra gli altri Diana, per la precisazione degli itinerari sul modulo, Cortigiani che spiegato alcuni aspetti di costituzionalità delle norme attuali, Spagli sul ruolo delle regioni. Il presidente ha poi invitato la dott.ssa Verruso che ha ringraziato il Rotary per gli impianti di condizionamento installati in un alloggio realizzato dalla Protezione civile per emergenze tipo quella che stiamo vivendo. Già due persone vi stanno trascorrendo un periodo di isolamento. L’amico Addario – presidente del Firenze Nord – ha ricordato come l’intervento, reso possibile con l’appoggio dell’amico Franco Paolillo del Firenze Est e sostenuto anche dai club Michelangelo e Certosa.

A tutti il presidente Selleri ha rivolto un sentito ringraziamento, condiviso dalla DGE Cardinale, che ha tra l’altro ricordato gli accordi tra protezione civile e volontari del Rotary. E’ intervenuto infine Squarci in diretta da Careggi, dove dirige l’ufficio stampa, che ha informato sulla visita di medici cinesi e i nuovi test in corso anche in Toscana. Dialogando con Minucci, Giovanni ha spiegato le problematiche delle analisi che avvengono in un contesto scientifico dominato dalla novità. Giovanni Squarci interverrà sull’attualità giovedì prossimo nella nostra riunione.