T1819IT RGB

Nelle intenzioni del presidente Fantini  l’invito al PDG Minguzzi si colloca tra le opportunità di “parlare della nostra associazione, dei valori che portiamo avanti, delle prospettive che il Rotary International delinea per i prossimi anni” con una personalità di lungo corso rotariano, Past Governor del Distretto 2070, storico organizzatore del RYLA. E Minguzzi non ha mancato l’obiettivo trattando principalmente dei principi etici che un rotariano dovrebbe seguire.

Per il nostro relatore è importante sottolineare la differenza tra principi morali, che sono oggettivi e non dipendono da alcuna scelta, e principi etici, che viceversa sono soggettivi. Egli vede infatti nell’etica né un principio assoluto e tantomeno universale ma una conseguenza, forse un presupposto, del ruolo che una persona svolge nell'ambito della società. Il rotariano dovrebbe seguire nelle proprie scelte i quattro principi di fondo, che altro non sono che le risposte alla nota Prova delle quattro domande: "principio di verità, principio di giustizia, principio di lealtà, principio di solidarietà".

Soffermandosi su quest'ultimo, il PDG I.G. Minguzzi ha ricordato che non la si può esercitare solo dal punto di vista finanziario ma anche e soprattutto personalmente, affinché ognuno utilizzi e metta a servizio degli altri le proprie peculiarità, collaborando con gli altri soci al fine di raggiungere uno scopo comune. Guardando al passato e cercando uno punto per il futuro, Minguzzi ha ricordato come si viva in un cambiamento continuo, ciascuno a modo proprio, in funzione del proprio carattere e delle proprie inclinazioni e con diversi esempi ha messo in luce le differenti attitudini che posano far crescere l’amicizia, poiché è frequente che il lavoro di squadra e in amicizia faccia raggiungere risultati insperati e come anche il contributo dell'ultimo di noi possa essere determinante nel raggiungimento degli scopi rotariani.

Nel dibattito sono intervenuti Fossi, Presidente del nostro Club nell'annata in cui il relatore fu Governatore dell'allora distretto 2070, Azzaroli, Taddei Elmi e Queirolo (ospite dell’amico Bartoli e socio del R.C. a New York). –