T1718IT PMS C

Anche quest’anno il nostro Club – per la terza volta consecutiva – ha sostenuto un giovane, il giurista David Grifoni, specializzando a Londra, per partecipare al RYLA internazionale organizzato a Parigi dall’amico past-president del RC Paris La Défense Coubevoie Daniel Haumont. Riportiamo le impressioni del nostro inviato col quale ci complimentiamo. Ad maiora!

Solo due giorni, pervasi da vivo entusiasmo e ritmi serrati, e l’edizione parigina del Ryla Internazionale è stata capace di lasciare una profonda impronta nell’esperienza e nei sentimenti di tutti i partecipanti. Durante questa mia esperienza, ho avuto modo di constatare come il Rotary abbia oggi non solo l’ambizione, ma anche gli strumenti per guardare al futuro. Lo hanno dimostrato l’alta preparazione di tutti i docenti chiamati ad intervenire ai lavori e, nondimeno, la sorprendente inestinguibile dedizione con cui essi si sono dedicati a trasmettere il loro messaggio.

Dei vari argomenti affrontati nel corso del seminario, tutti si sono rivelati idonei a preparare i giovani rotaractiani alle sfide del loro prossimo futuro professionale: dalla capacità di poter scoprire, perfezionare e mettere a frutto le proprie doti in ogni ambito lavorativo o sociale, alla prontezza a saper abbracciare tutti i benefici delle nuove tecnologie, senza però mai perdere di vista l’etica ed i condivisi principi che fondano le basi dei nostri club.

Tuttavia, una semplice rappresentazione dei pregi e delle qualità dei contenuti del Ryla Internazionale e dei suoi attori non renderebbe giustizia al suo reale valore aggiunto: essersi tenuto nella casa della famiglia rotariana. Tutti noi ryliani siamo stati accol ti non da insegnanti, tenuti per contratto ad una diligente quanto distaccata funzione pedagogica, ma da mentori e “fratelli maggiori” che, con spirito di fraterna amicizia e altruismo, hanno raccolto l’impegno di fornire guida, supporto e fiducia al futuro del Rotary e di noi giovani.

Non dimenticheremo l’intima accoglienza nella sede del Rotary Parigi La Defense, le premure rivolteci dai soci e consorti, la loro piacevole conversazione e i momenti conviviali spesi in gioiosa armonia di età, idiomi e nazionalità. Non dimenticheremo il Ryla internazionale e tutti gli amici che ci ha permesso di conoscere e stimare. Personalmente, credo che quanto mi è stato così benevolente dispensato dalla famiglia rotariana, non potrà che essere speso con gratitudine ed affetto per contribuire alla causa di tale famiglia.(David Grifoni)