T1718IT PMS C

Il progetto “100 Artigiani” ha raggiunto quest’anno un nuovo importante traguardo: i ragazzi della prima edizione sono infatti arrivati alla soglia della maturità, dopo cinque anni di studi in cui hanno perfezionato le loro capacità in tutti icampi dell’arte e dell’artigianato artistico ma anche esponendo annualmente al nostro club le loro creazioni, da quest’anno riconosciute sia in ambito di crediti formativi scolastici che dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte (OMA) con cui il Firenze Est ha collaborato per una più ampia partecipazione, corale, come mostra la nostra foto qui a destra. Ogni giovane ha infatti potuto spiegare la propria creazione, dalla sedia modulare al catalogo di moda, dalla spilla d’argento al lampadario in stile.

Importante il riferimento alla storia di Firenze che Pilar Lebole, in rappresentanza dell’OMA, ha sottolineato nel suo intervento. Un legame rafforzato dalla nostra Cristina Acidini che ha premiato i ragazzi incoraggiandoli a proseguire. Il Liceo Artistico di Firenze, rappresentato dalla dirigente Prof. Pecetta, con noi per la prima volta dopo aver sostituito la prof. Addabbo, e dai professori Raniolo e Peroni, ha mostrato l’orgoglio per questi ragazzi, che – come ha detto il presidente Rogantini – non dovremo dimenticare mentre continueremo a seguire i più giovani. Una serata speciale anche per i nostri Paolo Penco e Gabriele Maselli che – a fianco dei propri figli – hanno dimostrato ancora una volta passione e fantasia, gli ingredienti principali del loro successo insieme con tanto lavoro nei rispettivi laboratori e nella diffusione dei mestieri artistici.

Ed è consolante che – almeno questa volta – Firenze guardi avanti e non indietro

Con l’iniziativa “Cento Artigiani” il R.C. Firenze Est segue da alcuni anni un ormai folto gruppo di studenti di arte, offrendo loro la possibilità di mostrare le proprie opere e l’evoluzione del loro stile. La manifestazione prende il nome da una precedente iniziativa rivolta all’orientamento dei maturandi chiamata “ 100 Manager” dal numero dei rotariani che si offrivano per spiegare le rispettive professioni. Esauritasi quella stagione e nel ricordo di grandi rotariani come il compianto Giorgio Parmeggiani, che tanto dettero a quella iniziativa, dal 2012, i nostri soci Paolo Penco e Gabriele Maselli svolgono nelle scuole medie una campagna di sensibilizzazione alle scuole superiori d’arte poi seguendo quanti vi si iscrivono durante gli studi.

L’idea è semplice: non solo premiare i ragazzi che stanno affrontando gli studi artistici (Liceo di Porta Romana) e quelli che vogliono avvicinarvisi (Scuola Media Dino Compagni) ma seguirli negli anni della scuola superiore per offrire loro un punto di riferimento dove esporre le opere nate dalla fantasia e dalla tecnica che ogni anno vanno affinando. Nelle arti del legno e della oreficeria, guidati dai dioscuri dell’artigianato fiorentino Paolo Penco e Gabriele Maselli 15 classi delle medie sono state coinvolte e con l’aiuto della prof.ssa Peroni nove di loro hanno poi scelto il liceo artistico.

Ma altrettanti, di prima, di seconda e terza liceo hanno fatto vedere ciò di cui sono capaci. Sembra facile ma è invece frutto di centinaia di ore di organizzazione, esperimento e abilità perché se l’arte non ti piace, confermano i nostri amici, il risultato non viene. E il nostro progetto sta tutto qui: riscontrare le abilità latenti dei ragazzi, farle venir fuori e poi ricordarsi di loro nel tempo. E’ uno schema che dura ormai da tre anni in questo quadro e rivedere alcuni giovani amici all’opera è stato molto significativo per i rotariani presenti. Un esempio per tutti la serietà, anche nella grafica e nel marketing di due ragazze dell’artistico mentre presentano la loro idea. Ad maiora.

Grazie all’infaticabile lavoro dei nostri Soci Paolo Penco e Gabriele Maselli prosegue l’iniziativa del Firenze Est di seguire la crescita artistica di alcuni ragazzi del Liceo Artistico di Porta Romana, di cui sono state esposte le opere. Il presidente Verità ha sottolineato – nel saluto agli interventuti – l’opera condivisa degli ultimi consigli direttivi che con diverse azioni hanno attivato l’iniziativa. La prima serata si svolse il 7 giugno 2012 quando furono presentati i primi lavori seguiti dalla Commissione cui presero parte con Paolo e Gabriele anche altri soci tra i quali ha ricordato il Past-President Riccardo Gionata Gheri.

L’allora Presidente Giancarlo Taddei Elmi disse in quella occasione che “Cento Artigiani lancia una corda immaginaria fra il mondo del lavoro e questi giovani già con l’animo e la testa pieni di talento da offrire. Saranno il talento e la voglia di fare a salvarli nella vita. Scopriranno la loro vera sostanza, qualsiasi strada essi vogliano percorrere: noi, con questo dono, li accompagniamo per un piccolo piccolo tratto.”

Lo scorso anno (dopo la serata del 30 maggio) il Consiglio direttivo presieduto da Luigi Cobisi istituì un fondo (inizialmente dotato di Euro 4.000,00) per il progetto Cento Artigiani nell’intento, perfettamente riuscito anche quest’anno, di continuare a seguire i giovani artisti nel loro percorso formativo. “Dal numero dei presenti giovani e giovanissimi, in crescita ovviamente anno su anno – ha concluso il presidente Verità - si vede che l’idea è stata eccellente e che la dedizione e l’impegno, oltre alle capacità, di Paolo e Gabriele stanno dando risultati eccezionali. L’anno prossimo dovremo organizzarci in una stanza più grande e quando saremo arrivati al centesimo premiato potremo dire non solo di aver raggiunto l’ambizioso obiettivo ma anche di aver messo su una macchina che potrà e dovrà procedere autonomamente e con l’aiuto di tutti noi : Rotary, Paolo e Gabriele e gli attuali discenti che nel frattempo avranno raggiunto le competenze, l’esperienza e l’età per diventare docenti”.

I sette ragazzi che lo scorso anno hanno accettato la sfida di iscriversi al Liceo Artistico, provenienti dalla Scuola Media Dino Compagni, hanno esposto questa sera per la prima volta le loro opere, disegni, pitture, sculture, oggetti di oreficeria.

Una bellissima collettiva favorita dall’atmosfera familiare che Paolo Penco e Gabriele Maselli hanno impostato nel loro rapporto con le centinaia di ragazzi cui si sono avvicinati in questi anni per rivolgere loro l’invito a provare la propria creatività. E alla fine della I Liceo ecco i primi risultati, ottimamente illustrati dai promotori e dagli insegnanti Anna Maria Addabbo ed Egisto Magni del Liceo di Porta Romana e Chiara Peroni e Gabriella Pratesi della Scuola Media Dino Compagni. Ognuno dei ragazzi – ricevendo in premio un contributo da spendere in materiale artistico – ha aggiunto alla serata una propria valutazione rivelando amore per l’arte e una maturità significativa. Distribuiti anche i libretti distribuiti con i lavori dei ragazzi dello scorso anno. Un grazie alla commissione “100 artigiani” composta da Paolo Penco (Presidente), Maselli, Silvi, Missigoi che ha sviluppato una vera e propria adozione de giovani talenti con l’obiettivo di accompagnarli e seguirli anno dopo anno fino a raggiungere il numero dei 100 artigiani.

Per questo, accanto ai liceali, Penco e Maselli quest’anno hanno seguito complessivamente nell’anno scolastico 11 classi medie per un totale di 253 ragazzi. Tra questi altri quattro approderanno a settembre all’Artistico.