T1718IT PMS C

 

Sig.ra Giuliana Paolieri, Dr. Lamberto Ariani (alla memoria)

Con sorpresa della stessa premiata, Giuliana PAOLIERI, convocata dall’interclub con il suo Rotary Club Firenze Bisenzio, il Testimonianza 2008 è stato assegnato ad una donna che - colpita da una grande disgrazia, la perdita del figlio diciottenne Jonathan – ha voluto, sin dal funerale del figlio, destinare ogni offerta allo Sri Lanka per finanziare la costruzione di una casa ad una signora di quel Paese, abbandonata dal marito e madre di due bambini in età scolare e con madre e sorella a carico. Parallelamente procedeva alla ristrutturazione di un pozzo a cielo aperto gravemente danneggiato dallo tsunami del 2004.

Giuliana, in seguito, ha continuato raccogliere fondi per organizzare una scuola a Galle in Sri Lanka dove insegnare (gratuitamente) ai bambini del luogo l’uso dei computer e la lingua inglese. Nella scelta di queste azioni ha avuto grande importanza che Jonathan aveva imparato sin dalla giovanissima età (sei anni) sia l’uso dei computer sia la lingua inglese. Giuliana ha voluto così continuare l’opera educativa con altri bimbi che non sono suoi figli e che non hanno avuto le possibilità di suo figlio. In questa raccolta fondi Giuliana è stata aiutata dal Club Wellington di Londra e dal Firenze Bisenzio. Giuliana, infine si sta prodigando con il Rotary Club locale (Galle), per:

  • ricevere tutte le informazioni per poter proseguire nel service;
  • dare ufficialità e visibilità al suo progetto ed al Rotary;
  • coordinarsi con il Ministero dell’Istruzione di quel Paese;
  • coinvolgere i genitori, onde evitare che la gratuità della frequenza non venga adeguatamente apprezzata.

Come ha sottolineato il presidente della Commissione del Premio Giovanni Fossi, Giuliana Paolieri ha saputo coniugare lo spirito del servizio umanitario con la dote tipicamente rotariana di un’organizzazione coerente con gli obiettivi da raggiungere.

Un secondo riconoscimento è stato assegnato quest’anno alla memoria del fondatore del Firenze Est, Lamberto Ariani, ritirato dalla moglie e dal figlio, commossi dinanzi al ricordo del loro congiunto come uomo vivo, attivo, con tutto il suo grande carattere che, come ha sottolineato il vice-presidente Pratesi, si è rivelato decisivo in numerose occasioni, in particolare nel volontariato e nel turismo, i due settori che Ariani ha più amato a fianco della sua professione di avvocato. Nella foto: il presidente Minucci premia la signora Matilde Ariani; a sin.: Pratesi con Fabrizio Ariani, a destra: il presidente del R.C. Bisenzio Rino Ambrosini.