T2223 EN Vertical CMYK     

 

In un ambiente rilassato (come testimonia la foto qui accanto) l’esposizione forlivese (Musei dei Domenicani, dal lunedì al venerdì: 9.00-19.00 - sabato: 9.00-13.00, fino al 10 luglio) su Maria Maddalena è stata protagonista della conferenza della curatrice e nostra socia Cristina Acidini.

Circa duecento le opere d’arte di ogni tempo, dall’antico al Novecento, che presentano il mistero di Maria Maddalena, la donna che i Vangeli mettono accanto a Gesù in momenti decisivi della sua vita pubblica fino ad assistere alla crocifissione ed essere prima testimone della resurrezione. L’attualità del personaggio, che ha attraversato tutta la storia della cristianità, è testimoniata in questi anni anche dalla decisione di Papa Francesco che ha elevato al grado di festa la memoria liturgica di Maria Maddalena, dal 22 luglio 2016, per significare la rilevanza di questa fedele discepola di Cristo.

A lei l’arte, la letteratura, il cinema hanno dedicato numerosissime opere tra cui autentici capolavori. La mostra segue l'evoluzione dell’iconografia della Maddalena nel corso dei secoli. Tra gli artisti che ne hanno affrontato il personaggio troviamo così Masaccio, Crivelli, Van der Weiden, Bellini, Perugino, Barocci, Savoldo, Mazzoni, Tiziano, Veronese, Tintoretto, Domenichino, Lanfranco, Mengs, Canova, Hayez, Delacroix, Böcklin, Previati, Rouault, Chagall, De Chirico, Guttuso, Melotti, Sutherland, Bill Viola. Di Alessandro Allori, ad es. la Maddalena ritratta nella foto a sinistra durante la conferenza.