T2022EN PMS C

 

20 assegni circolari del valore di 300 euro ciascuno, destinati ad altrettante famiglie bisognose, individuate dal Rotary Club Firenze Est in collaborazione con i Servizi Sociali del Comune di Firenze, sono stati consegnati all’assessore Sara Funaro dal Presidente del Club Gian Luigi Giuliattini Burbui col Past-President Simone Martini.Funaro Giuliattini Martini

“Un grazie di cuore al Rotary Club Firenze Est - ha detto l’assessore Funaro - che con questa donazione regala un sorriso a 20 famiglie in difficoltà segnalate dai nostri Servizi sociali.

La solidarietà del Rotary è la dimostrazione chiara di come il tessuto associativo della nostra città, di cui il Rotary è parte integrante, sia sensibile e attivo per offrire sostegno e supporto ai cittadini che vivono in situazioni di fragilità e devono sopportare difficoltà attivo per offrire sostegno e supporto ai cittadini che vivono in situazioni di fragilità e devono sopportare difficoltà quotidiane, che con la pandemia purtroppo sono peggiorate.

La collaborazione con le Istituzioni è fondamentale perandare incontro ai bisogni delle persone meno fortunate e lavorando in sinergia, tutti insieme, possiamo far sentire loro lanostra vicinanza”.

“E’ un ulteriore gesto di solidarietà del Rotary Club Firenze Est - ha detto ilPresidente Gianluigi Giuliattini Burbui – da sempre impegnato in numerose iniziative benefiche e donazioni a favore di associazioni di volontariato, enticaritatevoli e famiglie in difficoltà economica, che con questa donazione ha volutomanifestare la propria vicinanza alle famiglie più colpite dalla crisi economicaconseguente la pandemia da COVID-19”.

Ma sono sempre di più anche le famiglie che si trovano ad affrontare gravi difficoltàeconomiche a causa di una malattia o della perdita del lavoro e purtroppo sono state,ancora una volta, le persone più fragili a subire maggiormente l’emergenza sanitaria.Iniziative come quella del Rotary Club Firenze Est cercano di far sapere loro chenon sono sole.Nel dibattito con i soci – cui ha dato un forte contributo di esperienza il direttore Minicucci  – sono emerse le numerose difficoltà che, ben oltre il Covid o da questo acuite, caratterizzano il disagio e lanecessità di individuarlo al più presto. Troppe volte la vergogna o la scarsainformazione fanno precipitare le persone in crisi irrimediabili.

E’ il caso della ludopatia, alla cui prevenzione, cura e riabilitazione si è rivolto il DM 16 luglio 2021, n. 136 apparso in Gazzetta Ufficiale lo scorso 5 ottobre. Ma anche malattie, la cura dei disabili, le separazioni, con le loro terribili conseguenze finanziarie contribuiscono a un disagio su cui stasera abbiamo cercato di riflettere senza preconcetti e con cuore aperto.

Per capire e magari esser pronti a individuare i bisogni e intervenire.